da Varese, le odierne peripezie ed i mille interessi di una stramba famiglia di tatuatori!

Ho sempre pensato che la mia vita è piena di gente interessante e folkloristica, di gente colorata e gente molto dark,
di occasioni speciali, di fotografie, libri e scambi di informazioni...
Vorrei queste pagine fossero un'occasione per contaminarci e sorriderci su!!!!


Se desiderate contattarmi per qualsiasi chiarimento, opinione o scambio di vedute mi trovate qua: artistichousewife@hotmail.it

mercoledì 14 aprile 2010

armrest per Amos

Finalmente ho consegnato l'armrest, ovvero il poggiabraccio che solitamente usano i tatuatori durante le sedute alle braccia & Co., ad Amos.
Date uno sguardo alla sua produzione qua:

http://www.myspace.com/amosblackink

e capirete perchè ho scelto per lui una decorazione di questo tipo...








il soggetto principale è un vajra e nel pattern vi sono numero swastike.
Quando si parla di questo simbolo sò che l'argomento mette in difficoltà ma ci tengo a precisare che la connotazione data da Hitler con l'evento del nazismo a questo simbolo antico quanto l'uomo non è convenzionalmente il significato dato dal resto del mondo e soprattutto in Oriente.
La svastica o croce uncinata è una croce equilatera con i bracci piegati ad angoli retti. È stata usata come simbolo, generalmente con significati augurali o di fortuna, da molte culture fin dal neolitico, ed è ancora oggi un simbolo sacro in alcune religioni come l'Induismo, il Buddismo ed il Giainismo.
La parola svastica deriva dalla traslitterazione dell'omonimo termine sanscrito che significa genericamente «fortunato, di buon augurio» ed è utilizzato nel suo contesto linguistico per simboleggiare "persone o cose che portano fortuna"
I primi reperti consistenti facenti uso della svastica risalgono al Neolitico, anche se esistono alcuni rari reperti persino risalenti del tardo Paleolitico. Il simbolo è stato ritrovato in numerosi frammenti di ceramica nel Khuzestan (Iran) e persino nella scrittura utilizzata dalla Cultura Vinca nell'Europa neolitica. Altri ritrovamenti risalgono all'Età del bronzo nella zona di Sintashta in Russia e all'Età del ferro nel Caucaso settentrionale e in Azerbaijan [4]. Una svastica appare altresì sui ruderi della sinagoga di Cafarnao accanto ad una stella di David . In tutte queste culture il simbolo non sembra ricoprire significati particolari, ma semplicemente come uno fra i tanti simboli utilizzati.

Se volete approfondire questo link è interessante:

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.267

ma consiglio caldamente di acquistare questo libro meraviglioso che raccoglie tantissimo materiale da ogni parte del mondo per provarne la reale diffusione mondiale...

http://www.blastwaves.com/ManWoman/Books/Gentle_Swastika_Book/265.html


bacioni a tutti!
***Miss***
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...