da Varese, le odierne peripezie ed i mille interessi di una stramba famiglia di tatuatori!

Ho sempre pensato che la mia vita è piena di gente interessante e folkloristica, di gente colorata e gente molto dark,
di occasioni speciali, di fotografie, libri e scambi di informazioni...
Vorrei queste pagine fossero un'occasione per contaminarci e sorriderci su!!!!


Se desiderate contattarmi per qualsiasi chiarimento, opinione o scambio di vedute mi trovate qua: artistichousewife@hotmail.it

mercoledì 8 giugno 2011

Horror Vacui... c'est moi!

Sono impazzita.
Ho cercato tutte le cornici che avevo in casa: roba bella comprata ai mercatini in cerca di contenere un momento visivo della nostra vita o delle nostre influenze, roba di plastica alla quale non riesco a resistere e ammucchio senza riserve in attesa di una mano di bomboletta argento cromata e via, roba media di colore pessimo sempre in attesa di una passata di smalto o brillantini.
Perché lasciarle vuote?
E qua ritorno alla mia ultima scoperta. Ho una fobia ufficiale che ho sempre avuto ma che non ho mai saputo di avere e esiste una locuzione latina che ho deciso mi tatuerò: HORROR VACUI.
L'horror vacui è la paura del vuoto ed è stata analizzata da tempo in ambito psichiatrico.
Nell' arte definisce l'atto di riempire completamente l'intera superficie di un'opera con dei particolari finemente dettagliati.
Ora io penso di concepire TUTTO come una tela bianca e il mio bisogno di occupare lo spazio con colore e segno diventa fobico.
Non oso pensare a quanti chiodi siano già conficcati nelle povere mura di questa casa in affitto ma sono certa di non aver finito...

Un giro turistico ;)

In salotto sopra il divano inizia ad essere come lo volevo

Il poster che Davide Superparrukko aveva regalato a Lu... incorniciato è proprio bello!



Ho sentito il bisogno anche di raccontare la nostra storia con foto dal passato ;)
In questo caso la nonna di Luigi che ho avuto il piacere di conoscere nella sua casa vicino alle cave di marmo di Carrara alla veneranda età di 95 anni. Questa foto non è stata scattata da noi ma trovo sia splendida per dare un'immagine della matriarca della famiglia stopar.
E Luigi alle giostre sull'astronave di Goldrake con tanto di coppola e sdentato come il cantante dei Pogues hihihih

Il dipinto di Andrea ha trovato la degna location. Grazie ancora Andrea!


In ingresso ho appeso l'ultimo arrivo. Si tratta di una stampa fotografica di Michele all'opera di Pomodoro che è sita a Milano dietro a Piazza San Babila. Una vera soddisfazione, la stampa ha una qualità davvero eccellente ed è stata poi montata su legno e poi finita con un protettivo impermeabile... proprio pregio!



Tutta soddisfatta sto preparandomi al prossimo turno di martello e chiodi!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...