da Varese, le odierne peripezie ed i mille interessi di una stramba famiglia di tatuatori!

Ho sempre pensato che la mia vita è piena di gente interessante e folkloristica, di gente colorata e gente molto dark,
di occasioni speciali, di fotografie, libri e scambi di informazioni...
Vorrei queste pagine fossero un'occasione per contaminarci e sorriderci su!!!!


Se desiderate contattarmi per qualsiasi chiarimento, opinione o scambio di vedute mi trovate qua: artistichousewife@hotmail.it

mercoledì 26 ottobre 2011

vedi satana ovunque? sei sei sei pazzo!


Stamattina, dopo aver lavato i pavimenti di casa, mi prendo una pausa sigaretta e guardo la mail.
Tra le altre, quella del mio Superparrukko che mi segnala una chicca di quelle da 90.
Anzi una chicca da 666.

Ve la riporto così com'è, leggete e poi dopo 2 risate ne potremo anche parlarne.

"Oggi ormai quasi tutti, bambini, adolescenti e adulti hanno il tatuaggio. Tutti lo fanno, nessuno si domanda se sia giusto cambiare il proprio corpo con una immagine che viene disegnata in modo permanente sulla nostra pelle. Il tatuaggio però è assolutamente contrario all’etica cristiana ma non solo. Parlare solo di etica sarebbe riduttivo, parlare solo (come solo pochi sacerdoti fanno), di peccato grave è altrettanto riduttivo. Il tatuaggio è una consacrazione indiretta (ma pur sempre consacrazione) a cui ci si sottopone in maniera permanente almeno sul corpo. Quanti giovani hanno il tatuaggio? Tantissimi. Quanti giovani vanno in chiesa? Pochissimi. Cari lettori, però, non è solo questa statistica a dimostrare quanto detto. Infatti la tecnica con la quale si viene sfregiati con disegni che molte volte non conosciamo, è una tecnica satanica che consiste nel marchiare l’uomo (consacrandolo). Come in ogni tipo di consacrazione, quello che il tatuato offre a satana è la volontà di peccare, ma non solo. La volontà di peccare si concretizza nel desiderio di chi si tatua, di modificare il proprio corpo, di aggiungere qualcosa che la volontà di Dio immensamente perfetta non ci ha dato. Chi si tatua quindi si allontana da Dio e dimostra di non accettare quanto da Dio ci è stato donato per quello che è. Parlo del nostro corpo ovviamente. Non è tutto, Dio è stato chiarissimo sul tatuaggio, nella Sacra Scrittura, in particolare nel Levitico 19,28 sta scritto espressamente: “ Non farete incisioni nella vostra carne, ne farete tatuaggi su di voi”. Nonostante questo, però, i cristiani, che si credono tali, continuano a vivere nella disobbedienza più assoluta e mortificante. Anton La Vey fondatore della chiesa di satana in America confessa pubblicamente (nel libro Moderni Primitivi) quanto detto, ammettendo che dietro ad ogni tatuaggio ( sia esso un fiorellino o un drago) c’è il satanismo appunto. La cosa che meraviglia è però come anche sacerdoti, neghino senza troppi problemi di coscienza, questa verità difesa con orgoglio dallo stesso satanismo. Se San Pio fosse in vita cosa direbbe se gli venisse chiesto dell’ ipotetica possibilità di farsi un tatuaggio innocente? Cosa risponderebbe se gli venisse chiesto chi ha architettato questa bella moda ormai fatta passare per innocente in almeno un certo tipo di icone?La consacrazione indiretta a satana realizzata nel momento in cui ci si tatua però non sta solo nella volontà di modificarsi e peccare;

Come nella consacrazione all’ Immacolata si offrono sentimenti e azioni, anche nella consacrazione che i tatuati, compiono involontariamente, è offerta una azione a satana. L’azione è il sacrificio del consacrato. Molti tatuati infatti sanno che per tatuarsi si va incontro ad un dolore indicibile, ma volontariamente si sacrificano pur di disobbedire a Dio o se volete, pur di tatuarsi. Il dolore che si prova durante e dopo il tatuaggio per circa tre giorni, viene offerto a satana.

Chi fa tatuaggi sa benissimo che quella del tatuaggio è una prassi antica a sfondo satanico. Ogni tribale contiene il 666, così i draghi, le spade con i serpenti, i leoni etc.. Quando ci si tatua, invece, personaggi, santi o affetti a noi cari, si offende invece due volte Dio. La consacrazione, in questa ipotesi, ha lo stesso valore, ma l’offesa recata a Dio è maggiore, infatti satana per renderci suoi miseri strumenti e per farci perdere per sempre la bellezza del nostro tempio, cioè il nostro corpo, utilizza chi la propria vita l’ha dedicata a combatterlo...San Pio, angeli, Santi etc.. Ma non è tutto. Molte volte quanto non si è realmente convinti della Misericordia di Dio, satana sfrutta i suoi tatuati-consacrati, facendoli disperare. Infatti molti tatuati dopo la loro conversione, corrono a togliersi il tatuaggio e a soffrire e offrire nuovamente il dolore che si prova, a satana, rinnovandogli la propria consacrazione. Questa si rinnova con la mancata fede nella misericordia in Dio che tutto può alla risurrezione del corpo dopo la morte alla fine dei tempi. Cari lettori sappiate che un sacerdote di satana ha l’obbligo di consacrarsi proprio con il tatuaggio, sappiate che volendo ammetterlo o no, chi si tatua va incontro a indicibili dolori, a momenti bui e depressi, oltre che a fatture e malefici stessi. Il consiglio che vi diamo è quello di non tatuarvi, di non togliervi il tatuaggio se già vi siete marchiati a satana, ma di andare a farvi benedire la pelle tatuata da un esorcista e non un sacerdote qualunque. Inoltre sappiate che quasi tutti i posseduti e i drogati hanno avuto i loro disturbi dopo l’essersi tatuati. Il tatuaggio è, infatti, la porta che apriamo a satana. Pensate che in molti esorcismi, i posseduti, coscienti durante il rito, hanno affermato che sentivano un fuoco tremendo bruciare proprio sulla pelle in cui ci si era tatuati. E sappiate infine che basta un solo tatuaggio per rischiare di avere disturbi di possessione come dimostrano i numerosi casi studiati. Inoltre nella rivista Tatoo Gallery, (nella sezione Sacro e Profano) c’è scritto che la tecnica con cui si fanno i tatuaggi, fu ideata dai primitivi, i quali nel sangue che fuoriusciva, o nell’ arrossamento della pelle, vedevano il portale creato ai demoni per entrare e uscire dal corpo.

Ricordate di quanto letto, un giorno davanti a Dio non si potrà dire: “ Io non lo sapevo”. Non si ritenga offeso chi è tatuato, ne indurisca il proprio cuore, ma approfitti per pentirsi sinceramente e rinascere nella confessione per i meriti del Sangue Preziosissimo di Gesù.

Dal libro CONOSCI IL TUO AVVERSARIO?"


ahahahahahahhahahah
ma siamo nel 2011 veramente?
Ancora con questi spauracchi di Satana?
Per me, che sono tremendamente atea, non sono stupita del dogma in Cristo ma dell'ignoranza che ne deriva.

"Oggi ormai quasi tutti, bambini, adolescenti e adulti hanno il tatuaggio" Bambini? E chi li tatua i bambini? Vogliamo parlare, invece, delle violenze subite dai minori a carico della gente di Chiesa? Che ormai non è più un sospetto ma una verità con tanto di tg che almeno una volta alla settimana ne tira fuori una nuova.

"Quanti giovani hanno il tatuaggio? Tantissimi. Quanti giovani vanno in chiesa? Pochissimi."
E questo non vi suggerisce nulla? Pur rispettando il diritto di credere in chiunque è ovvio che la dottrina cristiana non fa breccia sulle coscienze di questo secolo essendo fondata in un preciso periodo storico e mai riformata all'evoluzione della società moderna.

"Infatti la tecnica con la quale si viene sfregiati con disegni che molte volte non conosciamo, è una tecnica satanica che consiste nel marchiare l’uomo (consacrandolo)."
Sfregiati a chi? Come è possibile che uno possa dichiararci sfregiati solo per una scelta differente? Tecnica satanica? ahahahahahahah

"Non è tutto, Dio è stato chiarissimo sul tatuaggio, nella Sacra Scrittura, in particolare nel Levitico 19,28 sta scritto espressamente: “ Non farete incisioni nella vostra carne, ne farete tatuaggi su di voi”."
Prima di tutto il Levitico dice esattamente così: Non vi farete incisioni nella carne per un morto, né vi stamperete segni addosso. Io sono l’Eterno. La parola tatuaggio è più recente della Bibbia. Se vogliamo fare i puntigliosi facciamolo, altrimenti è facile mettere in dubbio la credibilità di ciò che si dice con tanta sicurezza.

"Se San Pio fosse in vita cosa direbbe se gli venisse chiesto dell’ ipotetica possibilità di farsi un tatuaggio innocente?"
Scusate, ammetto l'ignoranza, ma San Pio è Padre Pio? Ma lui non era stigmatizzato? E quel dolore, in quanto tale, accettato senza fiatare, non è la stessa cosa del tattoo? E' un'offerta a Satana? Magari tutti pensano che è Dio e poi si viene a scoprire che dietro c'è sempre il famoso costruttore di pentole senza coperchi ;)

"Molti tatuati infatti sanno che per tatuarsi si va incontro ad un dolore indicibile, ma volontariamente si sacrificano pur di disobbedire a Dio o se volete, pur di tatuarsi. Il dolore che si prova durante e dopo il tatuaggio per circa tre giorni, viene offerto a satana."
Dolore indicibile? Ma perchè se ne parla senza avere senno di quello che si sta asserendo? Disobbidire a Dio? Ma se non credo neppure nella sua esistenza! Per circa tre giorni? e se dura di più? abbiamo diritto ad un bonus da Satana?

"Ogni tribale contiene il 666, così i draghi, le spade con i serpenti, i leoni etc.."
ahahahahahah Sto male dal ridere! Ma questa è meglio dei dischi dei black sabbath che girando al contrario hanno messaggi satanisti, fantastico!!!!

"Ma non è tutto. Molte volte quanto non si è realmente convinti della Misericordia di Dio, satana sfrutta i suoi tatuati-consacrati, facendoli disperare. Infatti molti tatuati dopo la loro conversione, corrono a togliersi il tatuaggio e a soffrire e offrire nuovamente il dolore che si prova, a satana, rinnovandogli la propria consacrazione."
Tatuati- consacrati? disperati? I nostri clienti che ricorrono alla rimozione dei vecchi errori di gioventù lo fanno per farsene altri, più belli e più grossi. Satana vi ha rapito tutti. Come gli alieni.

"Il consiglio che vi diamo è quello di non tatuarvi, di non togliervi il tatuaggio se già vi siete marchiati a satana, ma di andare a farvi benedire la pelle tatuata da un esorcista e non un sacerdote qualunque. Inoltre sappiate che quasi tutti i posseduti e i drogati hanno avuto i loro disturbi dopo l’essersi tatuati."
Sto pensando di organizzare un grande evento: un blessing party per tutti, che ne dite?

"Inoltre nella rivista Tatoo Gallery, (nella sezione Sacro e Profano) c’è scritto che la tecnica con cui si fanno i tatuaggi, fu ideata dai primitivi, i quali nel sangue che fuoriusciva, o nell’ arrossamento della pelle, vedevano il portale creato ai demoni per entrare e uscire dal corpo."
Ma sì cazzo, questo è vero. Ma fa parte del lato antropologico del tattoo. Nel corso dei tempi esso fu usato anche come rimedio medico e propiziatorio. Tipo Otzi, la mummia del Similaun, scoperta presso il confine italo austriaco, che presenta tattoo nelle parti dove la TAC ha evidenziato artrosi e lesioni e quindi probabilmente questo abitante dei monti preistorico utilizzava l'inchiostro come medicamento. Tolto il fatto che il nero fumo che si usava per questa pratica era fatto con l'incenerimento di piante e quindi forse anche a loro era nota la capacità curativa di alcune erbe medicamentose (e da qua l'erboristeria alla base della farmacopea).
Ma da qua a crederci davvero che tutt'ora si scelga il tattoo con la stessa valenza...

Insomma, mi stupisco che qualcuno ancora abbia una visione così riduttiva del mondo e della sua varietà.
Quando leggo queste cose capisco perchè c'è ancora chi giudica e va a messa.
Gli stessi che poi quando li guardo indossano pellicce e pelle come i primitivi. E quando mangiano non si fanno problemi a mangiare un figlio dello stesso Dio che pregano e dicono di amare.
Nei comandamenti si dice di non uccidere. Non si precisa di non uccidere umani ma di stroncare le vite di tutti gli altri esseri viventi.
Credibilità? Zero assoluto.

Voi che ne pensate? Peccatori immani che non siete altri.

***Miss*** la satanista tatuata

ah! Il libro si può acquistare a circa 7 euro (ahahahahahahahahahah) da qualche parte ma in questo link lo potete scaricare tranquillamente:

http://www.diosalva.net/download/pdf/conosci-il-tuo-avversario.pdf

Ah! Ovviamente ce l'hanno con tutti compreso chi pratica YOGA o segue una dotrina ZEN, oppure si fa praticare l'AGOPUNTURA.

Poenitentiam agite, appropinquabit enim regnum caelorum
("Fate penitenza, che il regno dei cieli è vicino")
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...