da Varese, le odierne peripezie ed i mille interessi di una stramba famiglia di tatuatori!

Ho sempre pensato che la mia vita è piena di gente interessante e folkloristica, di gente colorata e gente molto dark,
di occasioni speciali, di fotografie, libri e scambi di informazioni...
Vorrei queste pagine fossero un'occasione per contaminarci e sorriderci su!!!!


Se desiderate contattarmi per qualsiasi chiarimento, opinione o scambio di vedute mi trovate qua: artistichousewife@hotmail.it

domenica 20 febbraio 2011

Il bello del web!

Da anni ormai la rete e il suo contenuto è una sorta di dipendenza per me.
Ma l'entusiasmo di poter guardare oltre alla mia quotidianità, di poter scoprire cose che altrimenti sarebbe impossibile conoscere, di poter essere sorpresa della creatività di ognuno, di poter supportare amici, artisti e quant'altro è ormai un vizio che non voglio togliermi più.
I social network non mi interessano, i blog sì.
Perchè è una possibilità enorme per chi è curiosa come me, per chi ama il libero scambio di idee e visioni!
La contaminazione ha sempre reso l'arte più arte e l'uomo più uomo.

Così ho deciso di continare a mostravi ciò che veramente colpisce e influenza il mio immaginario di questo periodo e per farlo devo ringraziare tutte le fonti che seguo quotidianamente e che, come me, a loro volta loro seguono altre fonti.
Questa è la cultura del futuro e non sfruttarla sarebbe proprio un peccato.
Se avete segnalazioni particolari scrivetemi alla mia mail (artistichousewife@hotmail.it) e sarò felice di diffondere il verbo;)

E così voglio partire da qua...

...Dallo stupore che ho provato guardando le opere dell'artista brasiliano ma residente nel connecticut DALTON GHETTI.
Partendo dallo strumento base dell'arte, la matita, lui ha saputo trasformare il mezzo per arrivare in una splendida meta.
Sarà che le cose piccole in famiglia ci piacciono assai e questo forse per la mania di luigi di amare e di essere più attratto dalle miniature, i bonsai, le donne piccole, le piante nane e via dicendo.

Mr. Ghetti è un falegname che medita scolpendo grafite.
I suoi attrezzi di lavoro mutano e si fanno minuscoli per creare minuscoli capolavori.
Sono rimasta impressionata dalla minuzia dell'esecuzione e, soprattutto, dall'idea geniale del progetto.
Per Mr. Ghetti queste opere sono così sentite, vissute a pelle e forse sono anche un'occasione per chiudersi nel proprio viaggio mentale che esso non le vende, le regala agli amici.
Perchè l'arte è arte, la natura è arte e perchè alcune cose non devono avere un prezzo.
Esso lo svuoterebbe del contenuto.

Ma ora lasciatevi stupire...














che ne dite?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...